La trappola del P/E.

07 settembre 2007

Uno dei parametri più importanti per la selezione di azioni value è sicuramente il rapporto P/E (prezzo/utili),che ci dice il prezzo che gli investitori sono disposti a pagare per ogni euro di utile prodotto dalla società;quindi un valore basso può indicare una potenziale occasione.Dov'è l'inghippo?Il rapporto presenta un errore concettuale infatti è costruito utilizzando il prezzo attuale e gli utili passati,ma la borsa come sappiamo guarda al futuro e nelle stime potrebbe già aver previsto un calo degli utili nei prossimi anni.Per fortuna possiamo usare il forward p/e cioè il prezzo diviso gli utili stimati futuri per non cadere nella trappola del basso p/e.Ecco alcuni esempi in italia in cui il forward è maggiore dell'attuale:
DIS p/e corr. 9.80 forward 10.10
NM p/e corr. 11.30 forward 16.80
e al Nasdaq come esempio emblematico di forward inferiore all'attuale ho scelto:
CYNO controllata di El.en a prima vista infatti ha un p/e corrente stracaro di 157,ma in realtà per il per il 2008 è previsto di 19.
Quindi attenzione al valore,ma anche alla crescita,come sempre la verità sta nel mezzo.

8 commenti:

Anonimo ha detto...

Attenzione però che per D'amico stai utilizzando una stima fatta prima dell'approvazione del tonnage tax.
Considerà che in un semestre sono stati già fatti 49 mln.Lo scorso anno sono stati fatti in media 15 mln a trimestre (esclusa la gestione straordinaria) con la tassazione normale e con meno barche.Jp Morgan prevede un utile netto per quest'anno di 85 mln. Se così fosse il p/e atteso sarebbe ,al prezzo attuale,8,8.

Ciao e complimenti per il blog!
Massimo.

M3rc ha detto...

Ciao e grazie,ho utilizzato i dati del link msn.
Nella semestrale l'utile era di 49.03 in calo del -15% rispetto al 2006 (57.76)

Anonimo ha detto...

Ciao ancora Ferro.L'ho scritto solo per completezza.Il tuo,quello di Zener e del Volpino sono i blog più interessanti e divertenti da leggere.
Massimo.

M3rc ha detto...

Grazie.Il più divertente però è Geronimo Scalper!

PETRSALVATORE ha detto...

Vero, ma con il p/e hai dati certo e non stime che potrebbero essere completamente errate.

Anonimo ha detto...

Ciao Ferro!
Giusto utilizzare due previsioni.
Fare analisi con i dati dei bilanci passati non ha senso.
E poi è divertente fare le previsioni.
Ps: grazie Massimo per i complimenti e mi associo a Ferro su Geronimo.
Zener

Anonimo ha detto...

sei forte ed i tuoi commenti sono sempre nella giusta direzione
complimenti.
yea

Parcobuoi ha detto...

Secondo me il p/e è uno dei migliori indicatori che hanno i piccoli risparmiatori per investire.